Mesghenna poteva morire di fame

Mesghenna poteva morire di fame

Lo hanno notato all’ospedale governativo di Adwa suor Laura e i ragazzi volontari di TV2000.

In una camera di degenza, questo esserino infagottato in braccio al papà aveva colpito subito l’occhio esperto della missionaria per la gravità della sua malnutrizione.

Mesghenna a 4 anni pesava come un bambino di 2 mesi. Non riusciva più a deglutire nè a reggersi in piedi.

Senza una corretta reintroduzione graduale dell’alimentazione con sondino naso-gastrico era spacciato.

Preferiamo non pubblicare qui le foto del piccolo in quello stato, ma è possibile vederlo nelle riprese nella docufiction “Oh My God, andata in onda su TV 2000 e disponibile su youtube: guarda dalla puntata 16

Suor Laura ha preso subito una decisione: “viene in missione con noi”!

Il giorno successivo ha preparato vestiti puliti, una copertina, una camera all’interno della missione per ospitare il bambino ed il padre (vedi puntata 17). Assieme a Giovanni, uno dei ragazzi volontari, sono andati a prelevare Mesghenna dall’ospedale governativo, la struttura fatiscente nella quale non potevano offrire nessuna cura nè assistenza.

I primi giorni di assistenza sono stati durissimi: Mesghenna lottava tra la vita e la morte. Suor Laura ha preso il primo aereo per l’Italia per reperire i dispositivi medici necessari ad alimentarlo.

Poi grazie alle cure e all’accoglienza di volontari e suore, Mesghenna ha ripreso piano piano a deglutire, sorridere, camminare (puntata 20 inizio e finale).

Ora è meraviglioso vedelo giocare correre, è davvero un altro bambino!

Frequenta la scuola all’interno della Missione, mentre il suo papà lavora lì al progetto agricolo.

E grazie all’adozione a distanza di Giovanni e della sua famiglia, non soffrirà più la fame…

 

Questa storia è entrata anche a far parte del libro “Non esistono piccole storie“, scritto da Johannes Buckler (pseudonimo con cui pubblica racconti su Twitter, Vanity Fair, Il Corriere della Sera), assieme ad altri racconti su uomini, donne e bambini cui la Storia ha marcato in maniera indelebile la pelle e le vicende personali.
Edito da People, il libro ha un’altro obiettivo meritorio: i diritti d’autore sono devoluti a favore del progetto “Un ospedale per Adwa”! Grazie di cuore al generoso e misterioso autore!

 

Mesghenna FotoAdwa74 Mesghenna FotoAdwa78 Mesghenna FotoAdwa75

srLaura mesghenna

 

 

Leggi le altre storie di bambini e mamme aiutati grazie ad amici come te:

Il bagno al fiume. Per i bambini è un momento di gioia e di festa. I tuffi riempiono di sorrisi i loro volti. L’acqua però è spesso contaminata dalle mucche e dalle capre che si lavano a pochi metri. La scabbia è spesso la conseguenza di questi pomeriggi felici. Il farmaco curativo, come tanti altri anche salvavita, è fermo in Italia o al confine col Tigray per il blocco doganale imposto dalle autorità federali. Speriamo di poter ripartire al più presto con le spedizioni....

Questo ragazzino nella sala operatoria provvisoria attendeva l’intervento. Mentre rovistava nella discarica di Adwa, una bomba inesplosa gli ha fatto perdere una mano. Era il 2016, e quell’ordigno era un residuato bellico degli anni ’90. Pensate a tutti quei bambini che oggi, ad Adwa, stanno affrontando gli orrori della guerra, vittime inermi che ogni giorno affollano le corsie dell’ospedale…Ancora una volta comprendiamo quanto il progetto agricolo della missione sia fondamentale: ci permette di distribuire cibo a 15.000 persone e garantisce il sostentamento dei ricoverati....

La malnutrizione è da sempre un nemico per la popolazione e dallo scoppio del conflitto è diventata una piaga quasi inarrestabile. I bambini sono le prime vittime, spesso ancor prima di nascere......